Connect with us
covermd_home

Recensioni

Recensione The StartUp: idea di successo ma risultato scadente

Recensione The StartUp: idea di successo ma risultato scadente

The StartUp, accendi il tuo futuro

the_startup_andrea_arcangeli_matilde_gioliTrama: Matteo Achilli è un giovane diciottenne romano di umili origini che spicca nel nuoto dilettantistico.

Il suo scopo è fare il salto di qualità ma proprio quando la vita gli propone un’occasione il suo allenatore decide di toglierla.

Dopo numerose peripezie il suo futuro prenderà una piega completamente diversa e Matteo cambierà per sempre la sua vita.

 

Genere: Drammatico

 

Trailer:

 

Commento: The StartUp è il classico film con buon potenziale ma che non riesce mai ad ingranare la marcia giusta.

Si potrebbe pensare che The StartUp non sia ben riuscito a causa della tendenza del regista Alessandro D’Alatri ad idolatrare prima e “scimmiottare” poi un altro film sul tema, la pellicola americana “The Social Network”.

 

Peccato però che a differenza del film uscito nel 2010 e diretto David Fincher (regista Fight Club) non c’è lo stessa accurata regia e la stessa attenzione ai personaggi secondari.

Mentre in “The Social Network” sono proprio i personaggi secondari a spingere l’interpretazione di Jesse Eisenberg (Mark Zuckerberg), in The StartUp non si può dire lo stesso: qui presentano descrizione lacunosa e sono del tutto estranei alla trama, salvo brevi excursus sul padre di Matteo.

 

Se a questi elementi aggiungiamo poi delle lacune nel relazioni amorose di Matteo, e la totale esaltazione del suo egocentrismo, il disatro è servito!

 

Inoltre c’è da sottolineare come tutto graviti attorno ai “mugugni” sulle raccomandazioni, e sul fatto che vanno avanti sempre i soliti, senza porre veramente l’attenzione sulla rivalsa personale.

In tutto ciò sorge un paradosso: il fatto che Matteo Achilli coltivi la propria passione in modo ossessivo lo dipinge come una persona negativa ma essendo precedentemente raccontato come un eroe moderno, e dalle umili origini, come può adesso essere descritto come uno che si chiude a lavorare al suo grande progetto?

 

Malgrado tutto ciò che non convince c’è una nota positiva: l’interpretazione di Andrea Arcangeli (Matteo Achilli) è da applausi e la trama risulta sufficiente, seppur parecchio romanzata.

 

In conclusione se decidete di vedere il film solo per curiosità, e senza aspettative, questo potrebbe risultare meno faticoso ma sappiate che dietro The StartUp si nasconde un film che poteva essere interessante, soprattutto per i temi trattati, e che invece risulta l’ennesima cattiva pubblicità per Egomnia e lo stesso Matteo Achilli.

The StartUp

7.2

Regia

7.0/10

Fotografia

7.5/10

Sceneggiatura

7.0/10

Colonne Sonore

7.2/10

Costumi

7.2/10

PRO

  • Trama
  • Interpretazione Andrea Arcangeli (Interprete di Matteo Achilli)

CONTRO

  • Regia
  • Sceneggiatura
  • Ritmo narrativo
Comments

More in Recensioni