MOONLIGHT

Recensione Film – Moonlight #RoadToOscars

Genere: Drammatico

Trama: Il primo capitolo è denominato “1.Piccoletto” e narra le disavventure di Chiron (Trevante Rhodes), un bambino afroamericano chiamato da tutti il “Piccoletto”, e originario di Liberty City ma con una madre che ama drogarsi e vivere nella lussuria dimenticandosi di prendersi cura di Chiron. Chiron vive con la madre Paula (Naomie Harris) in un quartiere di Miami segnato da droga e violenza.

Per sua fortuna Chiron, dopo l’ennesima fuga dal gruppo di bambini che lo deridono e lo spaventano, si rifugia in una baracca abbandonata e lì, per caso, incontra lo spacciatore Juan, un uomo che si prenderà cura di lui e che gli insegnerà quello che sa della vita. I due diverranno amici e così quel muro di timidezza e di paura di Chiron verso l’uomo verrà meno.

Juan cercherà di aiutare Chiron ad affrontare la sua difficile situazione familiare e la sua difficile quotidianità accogliendolo a casa sua, trattandolo come un figlio e supportandolo insieme alla sua fidanzata Teresa, che indagherà su Chiron con estrema pacatezza e con i modi di una “mamma”.

Juan insegna a Chiron a nuotare

Un giorno il giovane Chiron si presenta a casa di Juan perché turbato in seguito alle grida della madre e per cercare di calmarlo Juan lo porta con sé al mare insegnandogli perfino a nuotare. Da quel momento in poi Chiron amerà l’acqua perché lo considera luogo dove le preoccupazioni si dissolvono come le gocce si disperdono nel mare (l’acqua sarà un elemento fondamentale in tutto il film).

Il secondo capitolo è denominato “2.Chiron”. Qui ci viene raccontato di un Chiron ormai adolescente, che vive gli stessi problemi del Chiron bambino, anzi forse li vive amplificati. La madre continua a drogarsi e a comportarsi come una meretrice, e per questo Chiron è costretto a rifugiarsi nuovamente a casa di Juan e Teresa per sopravvivere degnamente, ma soprattutto per trovare qualcuno che lo sappia ascoltare e coccolare veramente.

Nel frattempo Juan è morto, non ci è dato sapere né come né quando, e Chiron si ritrova a contare sulla sola Teresa. Prima di andare a scuola, Chiron passa da casa sua e trova la madre in stato di forte agitazione a causa dell’astinenza dalla droga. Una volta visto Chiron la madre lo esorta a dargli i soldi che Teresa aveva dato lui e, seppur con difficoltà, alla fine riesce ad estorcere i soldi al ragazzo.

Chiron decide quindi di andare a scuola e di lasciarsi alle spalle quella casa, ormai sede di una madre che “si può chiamare tale solo sulla carta”. La giornata passa con difficoltà per Chiron ma prima di andar via egli ha il tempo di incontrare l’amico Kevin, che nel frattempo era stato messo in punizione per essere stato scoperto mentre amoreggiava con una ragazza della scuola. L’amico gli chiede di tenere il segreto che in realtà se la stava spassando con una ragazza della scuola e Chiron accetta, mostrandosi però ancora più turbato del solito.

Di ritorno dalla scuola decide di andare da Teresa, ma i bulli che lo perseguitano sin da bambino, con modi alquanto minacciosi, lo convincono a cambiare idea e per questo Chiron deciderà di dormire alla stazione ferroviaria che nel frattempo aveva raggiunto.

Moonlight
Chiron e Kevin in riva al mare

All’alba del nuovo giorno, Chiron è nuovamente scosso dalle vecchie preoccupazioni, e per cercare un po’ di serenità decide di andare a riflettere in riva al mare, unico luogo dove si sente sereno. Di lì a poco si reca sul posto anche l’amico Kevin.

Dopo una lunga conversazione che vede Chiron liberarsi di alcune sue preoccupazioni, attraverso il conforto di Kevin, ne nasce una situazione inaspettata: approfittando della vulnerabilità di Chiron, Kevin lo bacia e comincia ad accarezzarlo sensualmente, ma Chiron, profondamente scioccato dal gesto dell’amico, si ritrae e decide di andar via.

Passa la notte e il mattino seguente Chiron torna a scuola, ma al termine della giornata scolastica lo aspetta una brutta sorpresa: all’uscita di scuola, Terrel, il capo del gruppo di bulli, ordina a Kevin di colpire Chiron e di fargli talmente male da lasciarlo a terra, ma l’amico si limita a sferrare qualche gancio prima di assistere al proseguo della rissa provocata da Terrel & co.

moonlight

Finita la rissa i bulli scappano e Chiron, grondante di sangue e steso per terra, viene prima portato in infermeria, e in seguito dalla Preside della scuola, che consiglia la denuncia a Chiron. Il mattino seguente Chiron si sveglia e torna a scuola e, con tutta la rabbia accumulata, entra in classe e spacca una delle sedie della classe su Terrel sotto gli occhi del professore e dell’intera classe. Chiron viene subito arrestato.

A questo punto il racconto si interrompe e veniamo catapultati in una realtà in cui Chiron è ormai adulto e gira con l’auto che era di Juan per le strade di Atlanta armato della fedele pistola: ecco l’incipit del terzo capitolo denominato “3.Nero”.  Chiron è ormai un muscolosissimo spacciatore di un brutto quartiere di Atlanta e lì cerca di sbarcare il lunario con le sue forze. Di notte ha sempre il pensiero al suo passato, ma anche quest’ultimo non si è dimenticato di lui.

Una notte Chiron viene svegliato da una telefonata che credeva appartenesse alla madre Paula, che nel frattempo vive in un centro sociale, per cercare di allontanarsi dalla droga e per aiutare chi ci è cascato come lei. La telefonata è, invece, del suo ex-amico Kevin; egli chiede a Chiron se si ricorda ancora di lui e di perdonarlo per quanto successo prima del suo arresto, ma Chiron è ancora profondamente turbato.

Di lì a poco Chiron va a trovare la madre Paula al centro sociale e ne nasce una conversazione che si concluderà con un piango liberatorio e riappacificatorio per entrambi. Da lì Chiron si reca a trovare Kevin, nel ristorante in cui fa lo chef, con grandissima sorpresa di quest’ultimo che non si aspettava la visita. Ne nasce un finale sorprendente ma che fa riflettere.

 

Commento: Sin dal primo frame di questo film, si ha subito la sensazione di entrare personalmente dentro i ghetti di Miami, sia mentalmente che quasi fisicamente. Si respira subito l’aria di profonda violenza che contraddistingue i protagonisti, quasi come se anche noi fossimo lì insieme a loro. Audace la scelta di dividere il film in più capitoli e, anche se può sembrare fastidioso, ad un tratto ci si abitua, e addirittura diventa fondamentale per distinguere la progressiva evoluzione del personaggio clou, Chiron.

Egli è infatti descritto prima bambino, poi adolescente e infine adulto per un motivo ben preciso: mostrare il suo cambiamento emotivo e caratteriale provocato dalle numerose disavventure che gli hanno cambiato la vita. Il regista, Barry Jenkins, compie un ottimo lavoro soprattutto nella simbologia legata a quanto esposto nella trama: il titolo ne è un esempio: “Moonlight” (Chiaro di luna) non rappresenta solo il titolo della pellicola, quanto piuttosto un concetto centrale fra le svariate tematiche affrontate.

MoonlightIl chiaro di luna può essere così associato non solo alla violenza provocata su Chiron durante la sua infanzia, ma anche alla mancanza di certezze (fisiche e mentali) nella vita di Chiron (paragonabili ad un paesaggio al crepuscolo). Inoltre un’altro significato a cui può essere associato il chiaro di luna è anche il tema legato all’omosessualità: durante tutta la sua esistenza Chiron riflette spesso sul suo amore per l’amico Kevin, ma senza mai esprimerlo veramente, e per questo si può leggere il chiaro di luna come un simbolo della mancanza di chiarezza nella sua vita.

Il tema dell’omosessualità è quindi affrontato con coraggio, originalità e senza cadere in comuni stereotipi. Ovviamente non si può non esaltare la splendida performance di André Holland (Kevin adulto)Jharrel Jerome (Kevin adolescente) e Jaden Piner (Kevin bambino) che hanno costruito un Kevin sempre fedele a Chiron, ma con quel pizzico di incertezza che lo rende sempre imprevedibile.

moonlight
Naomie Harris (madre Paula)

Menzione particolare per Naomie Harris (madre Paula) che si cala perfettamente nella parte di madre tossica, e terribilmente disadatta a gestire il figlio, al punto che senza un’interpretazione di questo spessore l’intera trama sarebbe potuta risultare molto meno coinvolgente.

 

 

Moonlight
Mahershala Ali (Juan) nel film

 

Da segnalare uno straordinario Mahershala Ali nel ruolo di Juan, la sua è un’interpretazione ai limiti della lacrima che fa dell’estremo realismo la sua forza e che viene esaltata dalla sua profonda espressività.

La vera arma in più del film è un abilissimo uso di prospettive, inquadrature e in generale ottimo uso della fotografia che rende le cupe atmosfere del film molto più significative.

In conclusione la trama originale, un accompagnamento sonoro mai invadente ma sempre efficace e un ottimo cast rendono il film piacevole, coinvolgente e commovente.

TRAILER: 

Genere: Drammatico Trama: Il primo capitolo è denominato "1.Piccoletto" e narra le disavventure di Chiron (Trevante Rhodes), un bambino afroamericano chiamato da tutti il "Piccoletto", e originario di Liberty City ma con una madre che ama drogarsi e vivere nella lussuria dimenticandosi di prendersi cura di Chiron. Chiron vive con la madre Paula (Naomie Harris) in un quartiere di Miami segnato da droga e violenza. Per sua fortuna Chiron, dopo l'ennesima fuga dal gruppo di bambini che lo deridono e lo spaventano, si rifugia in una baracca abbandonata e lì, per caso, incontra lo spacciatore Juan, un uomo che si prenderà cura di lui e che gli insegnerà quello che sa della vita. I due diverranno amici e così quel muro di timidezza e di paura di Chiron verso l'uomo verrà meno. Juan cercherà di aiutare Chiron ad affrontare la sua difficile situazione familiare e la sua difficile quotidianità accogliendolo a casa sua, trattandolo come un figlio e supportandolo insieme alla sua fidanzata Teresa, che indagherà su Chiron con estrema pacatezza e con i modi di una "mamma". Juan insegna a Chiron a nuotare Un giorno il giovane Chiron si presenta a casa di Juan perché turbato in seguito alle grida della madre e per cercare di calmarlo Juan lo porta con sé al mare insegnandogli perfino a nuotare. Da quel momento in poi Chiron amerà l'acqua perché lo considera luogo dove le preoccupazioni si dissolvono come le gocce si disperdono nel mare (l'acqua sarà un elemento fondamentale in tutto il film). Il secondo capitolo è denominato "2.Chiron". Qui ci viene raccontato di un Chiron ormai adolescente, che vive gli stessi problemi del Chiron bambino, anzi forse li vive amplificati. La madre continua a drogarsi e a comportarsi come una meretrice, e per questo Chiron è costretto a rifugiarsi nuovamente a casa di Juan e Teresa per sopravvivere degnamente, ma soprattutto per trovare qualcuno che lo sappia ascoltare e coccolare veramente. Nel frattempo Juan è morto, non ci è dato sapere né come né quando, e Chiron si ritrova a contare sulla sola Teresa. Prima di andare a scuola, Chiron passa da casa sua e trova la madre in stato di forte agitazione a causa dell'astinenza dalla droga. Una volta visto Chiron la madre lo esorta a dargli i soldi che Teresa aveva dato lui e, seppur con difficoltà, alla fine riesce ad estorcere i soldi al ragazzo. Chiron decide quindi di andare a scuola e di lasciarsi alle spalle quella casa, ormai sede di una madre che "si può chiamare tale solo sulla carta". La giornata passa con difficoltà per Chiron ma prima di andar via egli ha il tempo di incontrare l'amico Kevin, che nel frattempo era stato messo in punizione per essere stato scoperto mentre amoreggiava con una ragazza della scuola. L'amico gli chiede di tenere il segreto che in realtà se la stava spassando con una ragazza della scuola e Chiron accetta, mostrandosi però ancora più turbato del solito. Di ritorno dalla scuola decide di andare…

Moonlight

8.8

User Rating: Be the first one !
88

Moonlight

Moonlight
8.8

Costumi

8.8 /10

Regia

8.7 /10

Fotografia

9.0 /10

Sceneggiatura

9.0 /10

Colonne Sonore

8.5 /10

PRO

  • Interpretazione Jharrel Jerome
  • Interpretazione Jaden Piner
  • Interpretazione Ashton Sanders
  • Interpretazione Mahershala Ali
  • Temi trattati

CONTRO

  • Location non eccezzionali

Autore dell'articolo: Gabriele Dell'Aria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *