locandina-padri-e-figlie

Recensione Film – Padri e Figlie

Genere: Drammatico.

Trama: La storia si divide in due momenti differenti. Nel 1989, Jake Davis è uno scrittore di successo, con numerose pubblicazioni alle spalle. Vive a New York con la moglie e la loro piccola bambina Katie. Una sera, mentre erano in auto, tutti e tre rimangono coinvolti in un incidente stradale, perché Jake stava litigando con la moglie e accelerando non si era accorto di un camion che svoltava nella loro direzione, e sua moglie perde la vita.

Jake stesso si riprende solo dopo un lungo ricovero, che non evita comunque l’affiorare di diverse crisi epilettiche dovute anche al trauma cranico da lui riportato. E’ quindi costretto a farsi curare in una clinica psichiatrica, mentre la piccola Katie andrà ad abitare con gli zii William ed Elizabeth.1443781109-padri-e-figlie-cover Dopo ben 7 mesi, Jake finalmente esce dalla clinica e torna a prendere la figlia dalla casa dei cognati, che gli riferiscono l’intensione di voler adottare Katie. Jake rifiuta e in un secondo momento, ad una festa, per lo stesso motivo spinge William davanti a molte persone. Per riuscire a mantenere entrambi, Jake riprende a scrivere con fervore, ma non ottiene i risultati sperati. Da lì in poi i ricchi coniugi intraprendono una lunga procedura legale per ottenere l’affidamento della bambina, che però viene ritirata quando si scopre che William tradisce sua moglie con la segretaria.

Forte di questa notizia, Jake comincia a scrivere quello che sarà il suo romanzo di maggior successo, “Padri e Figlie”, ma una sera, in preda alle sue crisi epilettiche, Jake scivola e sbatte la testa contro il termosifone del bagno e perde la vita. Pochi giorni dopo il suo funerale, si scopre che il suo romanzo ha vinto il premio Pulitzer.

 

Nel 2014, Katie è una tirocinante che si sta per laureare in psicologia. Conduce una vita sregolata fatta di serate nei bar e sesso occasionale. Sul lavoro le viene affidato il caso di una bambina di nome Lucy, la quale non parla dalla morte di sua madre avvenuta un anno prima, e di cui il padre non si cura. Katie, col passare del tempo, instaura un rapporto di fiducia con la piccola, poiché rivede molto di sé in lei, e riesce a farla uscire dal guscio e a parlare nuovamente.

padriefigliepicNel frattempo, in una delle sue serate conosce Cameron, un ragazzo che le rivela che il libro di suo padre è il suo preferito. Dopo un periodo nel quale si conoscono, entrambi capiscono di essere innamorati e alla fine Cameron si trasferisce nella casa di lei.

Katie capisce che non aveva mai provato qualcosa di simile per qualcuno, ma quando Cameron la vuole presentare ai suoi genitori, lei si impaurisce e scappa. Questa sua paura la porta a tradire Cameron con un ragazzo conosciuto in un bar e, quando Cameron torna a casa dal lavoro, lo scopre e rompe la loro relazione.

Dopo un lungo periodo fatto di riflessioni sulla sua vita, Katie capisce che è arrivato il momento di andare a casa di Cameron. Tuttavia, appena arrivata, nota che in casa c’è un’altra donna e scappa di nuovo. Dopo una lunga passeggiata torna a casa e trova Cameron seduto sui suoi scalini ad aspettarla, poiché ancora innamorato di lei.

 

 

Dopo “Alla ricerca della felicità” e “Sette anime”, il regista italiano Gabriele Muccino ci regala un altro magnifico inno alla vita. La frase portante di tutta la pellicola è ‘Andrà tutto bene’ , la continua spinta ad andare avanti , nonostante le numerose difficoltà che la vita ci pone davanti. La forza di volontà di Jake, meravigliosamente interpretato da Russell Crowe, anche nei momenti più bui, lo porta a non arrendersi mai, qualunque cosa sia successa.

Le notevoli interpretazioni di Katie e Cameron, rispettivamente Amanda Seyfried e Aaron Paul, riescono a rendere verosimili tutte le vicende narrate nel film. Anche i personaggi secondari sono impeccabili e figure di spicco del cinema mondiale come Diane Kruger, Octavia Spencer e Jane Fonda rendono questa pellicola una delle migliori in fatto di cast e interpretazioni.

La regia è davvero eccellente, così come la sceneggiatura e la colonna sonora. Unica pecca può essere trovata nella fotografia, che nonostante qualche lampo di genio non regala nulla di davvero emozionante. Nel complesso un film godibile e apprezzabile sia dagli amanti del genere che non.

Genere: Drammatico. Trama: La storia si divide in due momenti differenti. Nel 1989, Jake Davis è uno scrittore di successo, con numerose pubblicazioni alle spalle. Vive a New York con la moglie e la loro piccola bambina Katie. Una sera, mentre erano in auto, tutti e tre rimangono coinvolti in un incidente stradale, perché Jake stava litigando con la moglie e accelerando non si era accorto di un camion che svoltava nella loro direzione, e sua moglie perde la vita. Jake stesso si riprende solo dopo un lungo ricovero, che non evita comunque l'affiorare di diverse crisi epilettiche dovute anche al trauma cranico da lui riportato. E' quindi costretto a farsi curare in una clinica psichiatrica, mentre la piccola Katie andrà ad abitare con gli zii William ed Elizabeth. Dopo ben 7 mesi, Jake finalmente esce dalla clinica e torna a prendere la figlia dalla casa dei cognati, che gli riferiscono l'intensione di voler adottare Katie. Jake rifiuta e in un secondo momento, ad una festa, per lo stesso motivo spinge William davanti a molte persone. Per riuscire a mantenere entrambi, Jake riprende a scrivere con fervore, ma non ottiene i risultati sperati. Da lì in poi i ricchi coniugi intraprendono una lunga procedura legale per ottenere l'affidamento della bambina, che però viene ritirata quando si scopre che William tradisce sua moglie con la segretaria. Forte di questa notizia, Jake comincia a scrivere quello che sarà il suo romanzo di maggior successo, "Padri e Figlie", ma una sera, in preda alle sue crisi epilettiche, Jake scivola e sbatte la testa contro il termosifone del bagno e perde la vita. Pochi giorni dopo il suo funerale, si scopre che il suo romanzo ha vinto il premio Pulitzer.   Nel 2014, Katie è una tirocinante che si sta per laureare in psicologia. Conduce una vita sregolata fatta di serate nei bar e sesso occasionale. Sul lavoro le viene affidato il caso di una bambina di nome Lucy, la quale non parla dalla morte di sua madre avvenuta un anno prima, e di cui il padre non si cura. Katie, col passare del tempo, instaura un rapporto di fiducia con la piccola, poiché rivede molto di sé in lei, e riesce a farla uscire dal guscio e a parlare nuovamente. Nel frattempo, in una delle sue serate conosce Cameron, un ragazzo che le rivela che il libro di suo padre è il suo preferito. Dopo un periodo nel quale si conoscono, entrambi capiscono di essere innamorati e alla fine Cameron si trasferisce nella casa di lei. Katie capisce che non aveva mai provato qualcosa di simile per qualcuno, ma quando Cameron la vuole presentare ai suoi genitori, lei si impaurisce e scappa. Questa sua paura la porta a tradire Cameron con un ragazzo conosciuto in un bar e, quando Cameron torna a casa dal lavoro, lo scopre e rompe la loro relazione. Dopo un lungo periodo fatto di riflessioni sulla sua vita, Katie capisce che è arrivato il momento di andare a casa di…

Padri e Figlie

7.5

7.5

User Rating: Be the first one !
75

Padri e Figlie

Padri e Figlie
7.5

Regia

8.5 /10

Fotografia

6.5 /10

Sceneggiatura

8.0 /10

Colonne Sonore

7.5 /10

Costumi

7.0 /10

PRO

  • Splendida regia di Gabriele Muccino
  • Interpretazioni attori
  • Cast stellare
  • Ottima sceneggiatura

CONTRO

  • Fotografia appena sufficiente

Autore dell'articolo: Antonio Fiasconaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *