And the winner is 3 - Argo

And the Oscar goes to… Argo

Il terzo appuntamento con la rubrica che ci porta a riscoprire i film che hanno vinto la statuetta più importante (quella per il miglior film), torna indietro fino a qualche anno fa, quando Argo, film diretto da Ben Affleck e prodotto dallo stesso Affleck insieme a George Clooney e Grant Heslov, vinse il prestigioso premio nell’edizione del 2013 degli Academy Awards.


Il film, candidato in ben 7 categorie, è riuscito a vincerne 3: Miglior Film, Miglior Sceneggiatura Non Originale e Miglior Montaggio, mentre le altre nomination erano Miglior Attore Non Protagonista a Alan Arkin, Miglior Sonoro, Miglior Montaggio Sonoro e Miglior Colonna Sonora.

 

Trama:

Durante la rivoluzione islamica del 1979 in Iran, alcuni militanti iraniani fanno irruzione nell’ambasciata americana, prendendo in ostaggio ben 52 persone, di cui solo 6 riescono a scappare e a rifugiarsi presso il consolato canadese.

Il poster del finto film usato realmente dalla CIA durante l'operazione.
Il poster del finto film usato realmente dalla CIA durante l’operazione.

Allo scopo di poter liberare tutti gli ostaggi, l’agente della CIA Tony Mendez viene incaricato di trovare uno stratagemma per poter arrivare in suolo iraniano e poter salvare i 6 fuggitivi, che di lì a poco potranno essere presi di mira, così come il console canadese stesso.

Mentre il figlio guarda un film di fantascienza alla tv, a Tony viene un’idea: fingere di produrre un film fantascientifico in suolo iraniano per i suoi paesaggi esotici, e i 6 fuggitivi saranno invece parte della finta troupe cinematografica.

Viene deciso che il film si chiamerà Argo e viene creato un vero e proprio studio cinematografico per rendere credibile tutta la storia. Tony farà la parte del produttore del film e, una volta atterrati in Iran, nonostante diversi impedimenti e pericoli per lui e per gli altri, riuscirà a salvare gli ostaggi e a tornare sani e salvi in America.

 

 

 

Premi:

 

Miglior Film – Argo è riuscita a ottenere la statuetta più importante, celebrata anche dalla First Lady Michelle Obama, superando tantissimi film di altissimo livello come Django Unchained, Il Lato Positivo, Vita di Pi, Les Miserables, ecc. Nonostante ciò nessuno può mettere in discussione la qualità di questo film, che ha fatto conoscere Ben Affleck anche nella sua parte da regista.

Da sinistra: Grant Heslov, Ben Affleck, and George Clooney posano con i loro premi per il Miglior Film.
Da sinistra: Grant Heslov, Ben Affleck, and George Clooney posano con i loro premi per il Miglior Film.

Miglior Sceneggiatura Non Originale – Forse la storia in sé potrebbe sembrare anche fantascienza al solo sentire l’incipit del film, eppure è la sola verità, che a volte supera le ben più strane nostre aspettative. Tempi perfetti e tensione alle stelle rendono la sceneggiatura di Argo una vera e propria perla nel panorama cinematografico mondiale.

Miglior Montaggio – La differenza nel creare un film thriller con sparatorie e inseguimenti, e uno soltanto con degli ottimi tempi precisi e una trama perfettamente intuibile, è sicuramente davanti gli occhi di tutti, e come si può ben capire, il montaggio ha avuto una parte da protagonista assoluto per riuscire nell’impresa.

Autore dell'articolo: Antonio Fiasconaro

1 commento su “And the Oscar goes to… Argo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *